Pubblicato il Lascia un commento

I Taralli Santamaria in onda su Ricette all’Italiana (Rete 4, Mediaset)

ricette all'italiana taralli santamaria con davide mengacci a noicattaro

I Taralli Santamaria su Ricette all’Italiana

Ricette all’Italiana, la famosa trasmissione in onda su Rete 4 di Mediaset, con Davide Mengacci e Michela Coppola, arriva il 29 novembre 2017 a Noicattaro, in provincia di Bari. Nella puntata si sceglie di mostrare alcune particolarità della nostra terra e, fra queste, abbiamo avuto l’onore di esserci. Nel video che segue, abbiamo testimonianza della nostra partecipazione, guidata dal bravissimo Mengacci.

Un breve spezzone della nostra partecipazione

Mengacci (M): Bentornati a Ricette all’Italiana. Siamo sempre a Noicattaro, in provincia di Bari, quindi in Puglia.

(M): Questo è il cortile dell’ex convento dei Carmelitani. Oggi è il Palazzo della Cultura, dove A proposito di cultura pugliese, c’è un bellissimo tavolo di taralli.

(M): Naturalmente, chi dice Puglia, dice taralli!.. Lo sappiamo molto bene e lo sanno molto bene i coniugi Quaranta, che producono appunto taralli. Marito e moglie; la moglie fa i taralli e il marito ne parla. Che taralli abbiamo qui?

Alberto Quaranta (Q): Partiamo da una base classica; quindi farina di tipo 0, olio extravergine d’oliva, vino bianco e sale. Il tutto viene impastato e formato a mano, per ottenere la classica forma ad anello.

(M): Vedo che qui ci sono tante varietà e tanti colori…

(Q): Si, si può dare sfogo alla fantasia e aggiungere semi di finocchio, pomodoro secco, rape bollite, macinate e inserite nell’impasto.

(M): Quelli gialli?

(Q): Quelli gialli sono con l’aggiunta di curcuma.

(M): Questi marroncini?

(Q): Qui abbiamo usato una farina che è una miscela di cereali; quindi orzo, mais, farro…

(M): E là ne vedo addirittura di grigi! Perché?

(Q): Qui c’è il grano arso, cioè il grano che in antichità veniva bruciato nei campi. I contadini ne facevano una farina, con cui realizzavano taralli, pane e pasta.

(M): Interessante! Però i taralli sono tutti salati, invece qui ci sono anche dolci. Vero?

(Q): Certo! I taralli con olio e vino si possono fare anche con l’aggiunta di zucchero e quindi si ottengono i classici tarallini dolci, oppure nel periodo Pasquale si fanno i taralli con le uova.

(M): Ma quanti taralli riesce a produrre al giorno?

(Q): Riusciamo a farne 30-40 kg al massimo.

(M): Perbacco! Complimenti.

Cenno alla trasmissione (oggi) e link utili

Commenti

Commenti in totale

Lascia un commento